Nord Corea: l’omicidio di Kim

Kim Jong-nam è il primo figlio del leader della Corea del Nord Kim Jong-il. Una vita di obblighi, studi e responsabilità che lo porta già a dieci anni a studiare a Ginevra e successivamente a Mosca. Negli anni ’90 è già al vertice dei servizi segreti nordcoreani e si prepara a succedere al padre.

Negli anni 2000 qualcosa però cambia e Kim Jong-nam viene allontanato dalla famiglia. Si accumulano teorie, tra le quali una presunta collaborazione con la CIA.

Il 13 febbraio 2017 Kim Jong-nam è ormai “solo” il fratellastro del nuovo dittatore nordcoreano Kim Jong-un, salito alla ribalta delle cronache per i suoi comportamenti bizzarri e dispotici.

Quel giorno Kim Jong-nam deve prendere un volo verso Macao. Ma due ore dopo viene trovato morto: è stato assassinato usando l’agente VX, una letale arma chimica. Due donne vengono arrestate per il suo omicidio, ma le telecamere a circuito immortalano diversi agenti segreti nordcoreani presenti in aeroporto.

Questa non è una “semplice” storia di omicidio, ma un complicato racconto che coinvolge un'amara e sanguinosa faida familiare, agenti e reparti segreti e un illecito commercio internazionale di armi.

Per il ciclo History Now che ogni mese approfondisce la nostra storia contemporanea:
Nord Corea: l’omicidio di Kim, lunedì 23 Settembre alle 21.50, su History, canale 407 di Sky.