Succede Oggi

Colpo di stato in URSS

Un gruppo di cospiratori contrari alle riforme liberali intraprese dal leader sovietico Mikhail Gorbaciov di fatto lo sequestrano. Sostenendo che è ammalato e non idoneo a governare, tentano di formare un governo di emergenza. Ma non riescono ad arrestare il presidente russo Boris Eltsin, eletto a favor di popolo, che riunisce gli oppositori del golpe presso il Parlamento russo. Dopo momenti di tensione l'esercito si schiera con Eltsin, e il golpe termina il 21 agosto con l'arresto dei sette cospiratori ancora vivi.Gorbaciov riconosce la nuova autorità di Eltsin, e il partito comunista viene sciolto. Alle repubbliche sovietiche viene riconosciuta l'indipendenza, e l'anno dopo l'Unione delle Repubbliche Socialiste Sovietiche non esiste più.

Succede anche

Stregoneria e politica: i diavoli di Loudun

Il 18 agosto del 1634 muore sul rogo il sacerdote cattolico Urbain Grandier, accusato di stregoneria. Parroco della chiesa di Loudun nella diocesi di Potiers, si era guadagnato la fama di libertino e di grande amatore. Il suo carattere altezzoso ed i privilegi ottenuti nella carriera ecclesiastica gli attraggono presto l'invidia del clero locale, a cui si aggiunge l'inimicizia del Cardinale Richelieu, l'onnipotente ministro di Luigi XIII, che si riteneva ingiuriato da alcuni libelli pubblicati, anche se non esisteva prova alcuna della colpevolezza del Grandier. Nel 1633 nel locale convento delle suore Orsoline cominciano ad accadere fatti straordinari: apparizione di spettri, sintomi di una vera e propria possessione delle religiose con urla, pose e proposte oscene, scostumatezze e stati isterici. Senza alcuna prova, la voce popolare attribuisce al sacerdote cattolico la responsabilità di tutto. Arrestato e processato dopo lunghe e crudeli torture, pur proclamandosi sempre innocente Grandier fu arso vivo, mentre chiedeva a Dio perdono per i suoi aguzzini.

Personaggi Famosi

Marcel Carné

Il 18 agosto del 1906 nasce a Parigi, nel quartiere di Batignolles lo sceneggiatore,regista e critico cinematografico francese Marcel Carné. Dopo aver lavorato alcuni anni in una compagnia di assicurazioni Carné si appassiona alla nuova arte del cinema, e si iscrive all'École technique de Photographie et de Cinéma. Dal 1928 comincia a lavorare come assistente operatore per diversi registi francesi e belgi. Dopo aver lavorato come giornalista, diventa assistente dei cineasti René Clair (Sotto i tetti di Parigi, 1930) e Jacques Feyder (La donna dai due volti, 1934). Il suo primo lungometraggio, Jenny, regina della notte (1936), segnò l'inizio di una lunga e fruttuosa collaborazione con il poeta Jacques Prévert, che scriverà per lui numerose sceneggiature. Carné ha portato sullo schermo storie cupe, dove il realismo risulta temperato da una delicata sensibilità poetica e si esprime in uno stile del tutto originale, che trova alcuni dei momenti migliori nelle opere realizzate nel 1938 e nel 1939: Il porto delle nebbie (1938); Albergo Nord (1938), storia di un amore contrastato e Alba tragica (1939), dove un operaio, interpretato da Jean Gabin, braccato dalla polizia e barricato in una stanza, aspetta la fine ripensando agli eventi che l'hanno portato a uccidere.Dopo L'amore e il diavolo (1942), di ambientazione medievale, nel 1945 uscì Amanti perduti, poi approdato nelle sale italiane in versione ridotta. Capolavoro del cinema francese e pietra miliare della storia del cinema del dopoguerra, il film - il cui titolo originale è Les enfants du paradis - dipinge un suggestivo quadro della Parigi. Paragonate ai primi capolavori, le successive opere del regista non riuscirono a reggere il confronto e film come Teresa Raquin (1953, tratto dall'omonimo romanzo di Zola) non incontrarono lo stesso favore di pubblico e di critica.